Bellaria- La Torre Piezometrica dai 1000 quintali di ponteggio.

La difficoltà di quest’opera si è resa evidente dalla fase di progettazione, in quanto ci siamo resi conto fin da subito dell’impossibilità di ancorare una struttura sospesa sul cappello del serbatoio, visto il risicato spessore del calcestruzzo. Non avevamo alternativa che progettare un’opera provvisionale completamente appoggiata a terra, con la conseguenza di un notevole dispendio di materiale; si pensi infatti che sono stati trasportati e stoccati in cantiere oltre 1000 quintali di ponteggio multidirezionale. Per mettere in condizione l’impresa di eseguire in sicurezza tutti i lavori di risanamento della torre in ogni punto, il ponteggio è stato opportunamente corredato di:
piani di lavoro, sottoponte di sicurezza, fermapiedi, botole e scale di accesso.
Per facilitare il trasporto di cose e persone è stato allestito un montacarichi con tre sbarchi: il primo a 10 mt, il secondo a 20 mt e l’ultimo a 30 mt da terra. Per non aggravare la quantità di materiale trasportato e stoccato in cantiere, abbiamo evitato di corredare il ponteggio perimetrale di piani di lavoro, cosa che ha aumentato le difficoltà di montaggio in quanto i nostri uomini hanno dovuto spostarsi di volta in volta le tavole metalliche per l’avanzamento del montaggio. Non sempre essere impresa è sinonimo di compiere delle “imprese” ma forse, anche questa volta, la correlazione è d’obbligo. Realizzazione del 2011.

Send this to a friend